L’intestino più sano ti aiuta ad andare più forte

///L’intestino più sano ti aiuta ad andare più forte
Da www.gazzetta.it del 14 marzo 2018

L’attività fisica mantiene in buona salute il microbioma intestinale, l’”ecosistema” che aiuta ad assorbire tutti i nutrienti e a mantenere efficiente il metabolismo e il sistema immunitario.

Secondo studi recenti della University College Cork e della National University of Ireland, coloro che praticano sport hanno più probabilità di avere un sistema immunitario efficiente. Lo studio è partito dal confronto tra microbioma intestinale – l’insieme delle sostanze prodotte dai microrganismi presenti nell’intestino – di un gruppo di giocatori di rugby e quello di un gruppo che invece, non praticava attività fisica: il risultato ha evidenziato come il microbioma degli sportivi avesse un metabolismo più attivo rispetto a quello dei sedentari.

Cos’è il microbioma?

E’ l’insieme dei batteri, virus, funghi e altri organismi unicellulari che compongono l’ecosistema del nostro intestino e il cui equilibrio determina e controlla il nostro sistema immunitario, oltre ad assicurare un corretto metabolismo dei cibi.
Lo sport e l’attività fisica migliorano la composizione del microbioma diminuendo lo stato infiammatorio e potenziando la biosintesi dei carboidrati e la produzione di acidi grassi benefici che nutrono le stesse cellule dell’intestino favorendone la colonizzazione da parte dei batteri “buoni”.
Assumere probiotici può aiutare in questo senso, infatti essi sono tra tutti i microrganismi quelli che più degli altri se ingeriti, esplicano un’azione benefica sull’organismo e sull’intestino in particolare.
Tra i probiotici più conosciuti troviamo i lactobacilli e i bifido-batteri, presenti in alimenti fermentati come yogurt, kefir (prodotto derivato dalla fermentazione di latte di mucca e di capra), crauti, miso, formaggi, ma è possibile trovare in commercio anche alimenti a cui i probiotici vengono aggiunti prima del confezionamento.
Questi batteri lattici hanno la capacità di colonizzare l’intestino umanofavorendo l’instaurarsi di condizioni contrarie allo sviluppo di germi del gruppo Coli-Aerogenes, putrefacenti, considerati dannosi. Essendo resistenti agli acidi gastrici e biliari, aderiscono alle cellule intestinali creando una barriera contro gli eventuali batteri patogeni. I benefici che possono dare all’organismo sono molteplici: possono curare la diarrea, ridurre il colesterolo nel sangue, rinforzare il sistema immunitarioridurre il rischio di cancro all’apparato digestivo, alleviare i sintomi di malassorbimento intestinale.
La dieta di uno sportivo non può prescindere dal fatto di essere più varia possibile, perché è proprio la varietà degli alimenti assunti che permette all’intestino di avere adattamenti del microbioma, così da permettergli di rimanere sempre in ottima salute. Lo sportivo quindi, non deve escludere nessun tipo di alimento nella sua alimentazione giornaliera. Se scendiamo nel dettaglio, prima di una performance è fondamentale seguire una semplice regola per evitare di far lavorare eccessivamente il nostro intestino e promuovere la peristalsi intestinale: evitare frutta, verdura e latticini, perché spesso, soprattutto in sport come la corsa a piedi, per le vibrazioni che arrivano dall’urto con il terreno, possono dare qualche disturbo.

Iader Fabbri@melarossa

Fonte http://alimentazione.gazzetta.it/news/14-03-2018/intestino-piu-sano-fai-sport-41177

By |2018-03-30T08:38:05+00:00Marzo 30th, 2018|Tags: |
Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti, necessari al suo funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy e cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la privacy e cookie policy. Cliccando sul pulsante OK, scorrendo questa pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Ok, prosegui!